archivio

CHI SIAMO:

iniziative

 

LA STORIA DELLA A.I.P.A.

La prima Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati, cioè A.I.P.A., sorse nel 1987 a Padova, per iniziativa di alcuni pazienti in terapia anticoagulante orale e di alcuni medici e paramedici.

Per oltre un quinquennio l'Associazione resta relegata nell’ambito territoriale ove è nata, ma nel 1995, grazie ai medici dei Centri di Sorveglianza aderenti alla FCSA, si diffonde in tutto il territorio nazionale. Nelle grandi città come Roma, Milano, Bologna, Torino, Napoli, i pazienti si riuniscono e, dopo aver ottenuto il permesso dall’A.I.P.A. madre di Padova, creano delle Sezioni.

In massa i pazienti aderiscono all'Associazione perché sentono che solo con l’A.I.P.A. possono far udire la loro voce. Hanno così origine i primi “Incontri medici – pazienti”, vengono distribuite le prime pubblicazioni, si raccolgono le prime “firme” per chiedere ed ottenere Commissioni per Linee Guida, si fa presentare da Parlamentari il 1° disegno di legge per i pazienti in TAO e, il 29 aprile 2010, si giunge all’Accordo Stato-Regioni contenente le “Linee di indirizzo per il miglioramento della qualità e la sicurezza dei pazienti in terapia antitrombotica”.

Il numero delle Sezioni è constantemente aumentato nel corso degli anni.

L’A.I.P.A. è rappresentata nelle grandi città come anche nelle piccole, la sua organizzazione è regionale, provinciale e comunale ed è presente in tutte le Regioni d'Italia

L’A.I.P.A. Roma, sorta nel 1995 come Associazione di volontariato, nel 2016 ha modificato il proprio Statuto in adeguamento alla legge 383/2000, iscrivendosi successivamente nel Registro delle Associazioni della Regione Lazio.

 

Feder-A.I.P.A.

Nel 1995 una ventina di presidenti A.I.P.A. delle grandi città italiane si riunivano a Padova per darsi delle regole precise di coordinamento, dando così vita alla Federazione delle A.I.P.A. d'Italia, in sigla Feder-A.I.P.A.

Il fine primario era quello di coordinare l’attività delle Sezioni, promuovere la creazione di altre associazioni A.I.P.A. e realizzare uno scambio continuo di informazioni ed iniziative, sempre nel costante desiderio di ottenere migliori condizioni di vita per i pazienti in TAO.

La Feder-A.I.P.A. ha assunto nel corso degli anni l’arduo compito di rappresentare in modo univoco ed unanime tutte le A.I.P.A. esistenti nel territorio presso le Autorità politiche nazionali. Nel 1997 nasceva, durante un convegno a Rieti, l'idea di avere una legge che prevedesse l’istituzionalizzazione dei Centri di sorveglianza e la migliore e capillare distribuzione dei Centri stessi su tutto il territorio nazionale. In Italia esistono sacche geografiche anche nelle grandi città, in cui parlando della TAO si sa davvero poco e scarseggiano i Centri di sorveglianza.

Tutte le A.I.P.A. aderiscono alla Federazione; esse hanno un proprio Statuto; sono indipendenti economicamente ed ogni Presidente ha la rappresentanza legale della propria Sezione.

Tra le finalità della Feder-A.I.P.A. vi è l’istituzionalizzazione dei Centri di sorveglianza TAO.

Un importante successo era stato ottenuto nel 2001, durante l'amministrazione del Ministro Rosy Bindi, con la creazione di una Commissione ministeriale per l’emanazione di “Linee Guida” sospesa in seguito, purtroppo, con l’insediamento al Ministero della Salute del ministro Sirchia.

Il 29 giugno 2007, grazie all’allora ministro della salute on.le Livia Turco è stata istituita presso il Dipartimento LEA del Ministero la commissione per l’emanazione delle “Linee Guida” dal dr. Palumbo, direttore generale del LEA. La commissione era composta da Alessandro Ghirardini, Angela De Feo, Carlo Donati per il ministero; Francesco Marongiu, Gualtiero Palareti, Vittorio Pengo per la FCSA; Gaetano Cappello, Alessandro Porcu, Francesco Dragoni, Luigi Testa per la Feder-A.I.P.A.

Questa commissione, dopo tre anni, ha prodotto un documento per le “Linee di indirizzo per il miglioramento della qualità e la sicurezza dei pazienti in terapia antitrombotica”, che costituisce la base dell’Accordo Stato-Regioni e Province Autonome di Trento e Bolzano del 29 aprile 2010.