chi siamo

INIZIATIVE:

come & dove

La storia del periodico

Il dr. Gaetano Cappello, fondatore e presidente dell’A.I.P.A. di Roma per vent’anni nonché Presidente Nazionale di Feder-A.I.P.A. per 7 anni, deceduto il 22 dicembre 2015, conosceva bene i problemi dei pazienti anticoagulati e sapeva bene che l'educazione sanitaria dei pazienti è un elemento indispensabile. A questo scopo ha ideato, realizzato e diffuso il periodico "La Voce dei pazienti anticoagulati " che tratta di svariati argomenti e divulga notizie su tutte le A.I.P.A. d'Italia. Il periodico nasce nel 1995 e nel 2000 diventa organo ufficiale della Feder-A.I.P.A., pur restandone all’A.I.P.A. di Roma la proprietà, ossia, in poche parole, la direzione e la gestione amministrativa.

Già dal nome della testata si evincono gli obiettivi che il giornale si propone:
- essere la voce di chi… non ha voce;
- essere strumento di “battaglia” per il riconoscimento dei diritti dei pazienti in terapia anticoagulante orale;
- essere organo di informazione e di formazione.

Il nostro periodico non è fatto solo da chi scrive, ma è il prodotto di un’integrazione tra le A.I.P.A. d’Italia e chi legge.

Al vertice del periodico c’è:
- la Proprietà, rappresentata dal suo presidente (Giuseppe Dell’Aquila), che vigila su tutto ciò che viene scritto e stampato; detta la linea editoriale; stabilisce quale genere di articolo o notizia va privilegiata e quale scartare; ha rapporti diretti con la tipografia.
- il Direttore Responsabile (Patrizia Notarnicola), regolarmente iscritto all’albo dei giornalisti, che ha la responsabilità giuridica di quanto viene stampato.
- la Redazione, formata da un team di soci volontari, che presta competenza e tempo libero alla stesura del periodico.
- il Consulente Scientifico (prof. Arturo Cafolla) al quale vanno sottoposti prima della loro pubblicazione tutti gli articoli di carattere medico-scientifico.

Gli articoli pubblicati sul periodico vengono sempre decisi in una riunione della redazione nel corso della quale si discute e si approva la “scaletta” che assegna ad ogni articolo il numero delle pagine che gli sono necessarie.
Gli articoli battuti dalla segretaria di redazione (Maria Antonietta Ippoliti) vengono passati al grafico che li riporta sul computer della tipografia, li titola, li impagina, li corregge e li completa con immagini, foto e disegni forniti dalla redazione. A completamento di quanto sopra, viene realizzata la bozza che, dopo successivi controlli, viene approvata dalla redazione che dà il “visto si stampi”.

Il periodico ha una sua veste tipografica, che tiene conto del budget amministrativo ed è stampato in 24 pagine interamente a colori.
Ha una cadenza quadrimestrale con edizioni nei mesi di gennaio-aprile, maggio-agostosettembre-dicembre

Per raggiungere gli scopi prefissi non basta che il periodico sia ben stampato a scadenze fisse: occorre DIFFONDERLO!

Se vogliamo che sia veramente la Voce di chi non ha voce, che sia strumento di battaglia per il riconoscimento dei diritti dei pazienti in terapia anticoagulante orale, che sia organo di informazione e di formazione, diamoci da fare.

DIFFONDIAMOLO e FACCIAMOLO LEGGERE anche grazie alla collaborazione di tutti i pazienti che ne apprezzano i contenuti.

 

2016 - anno XXI

2017 - anno XXII

2018 - anno XXIII

2019 - anno XXIV

Rivista n.1 del gennaio-aprile

Rivista n.2 del maggio-agosto

Rivista n.3 del settembre-dicembre

 

 

Chi desidera ricevere a casa il periodico quadrimestrale può effettuare una donazione, a partire da € 15,00, all'A.I.P.A. Roma sul c/c postale n.50934009 intestato a: Associazione Italiana Pazienti Anticoagulati - Via Filippo Cordova 36, 00139 Roma.
La rivista è disponibile gratuitamente presso l'A.I.P.A.Roma in via Benevento 27/a.
Il periodico è consultabile in formato PDF (ARCHIVIO) dopo 12 mesi dalla publicazione.